Circolo Ricreativo Culturale ||| Headquarters @ TALAMONA RAILWAY STATION (Sondrio, ITALY)

domenica, dicembre 24, 2006

L'incendio è doloso

COMUNICATO STAMPA

Questa mattina, presumibilmente verso le ore 4.30-5.00, il magazzino della Stazione di Talamona e la legnaia che conteneva il presepe sono andati a fuoco. Ora rimangono solo le mura carbonizzate: della legnaia e del presepe non rimane più nulla, il tetto del magazzino è bruciato, le tegole sono sparse per tutto il giardino, e tutto il nostro materiale custodito lì dentro è andato in fumo. C’erano sedie, tavoli, un biliardino, un frigorifero, legna, lattine di bibite, un lettore dvd, uno stereo e diversi strumenti da lavoro.

Non è un caso. Le luci del presepe erano spente, l’interruttore generale della corrente era stato disattivato proprio poche ore prima, alla fine della nostra riunione settimanale. Stasera ci sarà la festa di inaugurazione della Stazione, che da poche settimane è diventata la nostra sede.

Oggi pomeriggio abbiamo trovato, nascoste in giardino, tre bottiglie di plastica: odorano di benzina.

Nel gazebo era stato allestito un presepe, in occasione della tradizionale mostra dei presepi di Talamona. Ma non era un presepe qualunque: dato il nostro impegno a fianco del Comitato in difesa delle acque della Val Tartano, contro lo sfruttamento idroelettrico, avevamo deciso di raffigurare nel nostro presepe la Val Tartano in secca. E, sulle pareti della legnaia, erano in mostra i documenti e gli articoli raccolti dal Comitato. C’era anche un foglio di raccolta firme contro la captazione, anch’esso andato perduto nell’incendio.

Non è un caso. Non sappiamo chi è stato, ma presumiamo che l’incendio sia di natura dolosa. Sappiamo però che l’auto organizzazione dei giovani può dare fastidio. Che la cultura e l’associazionismo spontaneo, l’impegno politico di base possono dare molto fastidio. Che non sempre e non da tutti i progetti di aggregazione sono visti di buon occhio. Per il futuro abbiamo programmato concerti, incontri e dibattiti, cineforum, feste e concerti. Forse qualcuno non gradisce tutte queste iniziative.

Forse qualcuno non gradisce neppure l’attività del Comitato della Val Tartano, che da qualche mese è molto attivo per impedire l’ennesima captazione d’acqua. E allora va in fumo un presepe, per colpire indirettamente chi difende la propria valle e l’ambiente.

Sappiamo però che questo gesto ci induce ad andare avanti con ancora più convinzione ed entusiasmo. Non ci intimorisce un incendio, non ci scoraggia aver perso tutti il nostro materiale.

Sappiamo che sono comunque molti enti, gruppi, associazioni, istituzioni che ci hanno aiutato a crescere in questi mesi; siamo sicuri che dopo questo grave fatto continueranno anche loro a darci una mano per proseguire nel nostro impegno.

2 Comments:

Blogger merenz said...

ok palmi.
speriamo che si muova qualcosa, e che non s'incendi nient'altro...

12/24/2006 5:00 PM

 
Blogger merenz said...

e sono tiempos violentos

12/27/2006 7:29 PM

 

Posta un commento

<< Home